Tu sei qui:
Sasso Marconi Foto»News»Eventi»5 Dicembre 2009 – Premio letterario 2 Erre – VI Edizione

5 Dicembre 2009 – Premio letterario 2 Erre – VI Edizione

DUERRE 2009 superstar- Magnifica serata conclusiva in Sala Giorgi

La regione Emilia-Romagna risponde con ottimi risultati di ST.E.LI

Puntuale come un cronometro svizzero, forse per effetto della nordica precisione apportata dal nuovo partner emiliano del nostro sodalizio di giornali gemellati, si è conclusa la sesta edizione del fortunato concorso DUERRE.

L’evento,è stato organizzato oltre che dagli ormai consolidati Lu Papanzicu ( mensile siciliano) e Viavai (mensile laziale), dal nuovo nato ma già affermato sul nostro territorio, Resto di Sasso. E’ stata una serata molto ricca, per merito della verve di Dalila Sottani, editrice del mensile sassese “Resto di Sasso”, che ha saputo organizzare un vero avvenimento, grazie anche al patrocino della Regione Emilia Romagna e dal Comune di Sasso Marconi. La premiazione si è svolta il 5 dicembre 2009 nella sala Renato Giorgi del nostro Comune. Con grande soddisfazione da parte degli organizzatori, Dalila Sottani (Resto di Sasso), Ettore Ranalletta (Viavai) e Filippo Cassaro (Lu Panpanzicu).

Filippo Cassaro, non si è meravigliato più di tanto: “Ormai sono abituato alla grande partecipazione dei miei corregionali al premio DUERRE. Questo è motivo di grande soddisfazione perché, in qualche modo, premia l’impegno che tutti noi dell’organizzazione profondiamo per diffondere le nostre rispettive culture!”.

Ettore Ranalletta, editore del mensile romano Viavai, ha ricordato i motivi del gemellaggio culturale tra le regioni Lazio, Sicilia ed Emilia Romagna e ha auspicato l’estendersi di questo proficuo sodalizio anche ad altre regioni, per mantenere intatto e vivo anche il dialetto.

In sala erano presenti molte persone, segno evidente che in tanti ancora amano la letteratura e la poesia come quelle che sono state declamate nel corso della manifestazione; poesie scritte anche in dialetto e che grazie alla traduzione in italiano, hanno trovato il gradimento del folto pubblico. A proposito di dialetto, l’Emilia Romagna ha dato il suo apporto con una inaspettata sorpresa. La serata è iniziata con l’entrata del Dott. Balanzone, interpretato da Ghino Collina, che con la sua simpatica ironia ci ha deliziato della sua presenza leggendoci una zirudela, con tema proprio il DUERRE, in dialetto bolognese strettissimo, poco comprensibile come del tutto naturale, dal pubblico laziale e siciliano presente.

Il compito di Presidente di giuria è stato affidato al Sindaco Stefano Mazzetti. All’Assessore Marilena Lenzi, al Consigliere Comunale Fabrizio Trasforini, al Prof. Dario Mingarelli, al giornalista del “Resto del Carlino” Francesco Fabbriani ( entrambi giurati con Vittoria Ravagli, nota poetessa sassese) quello di premiare Poeti e Scrittori partecipanti al concorso. Michele Davalli,con profondo sentimento, ha interpretato diversi passaggi di alcuni racconti finalisti tra cui: Il paese del tempo perduto di Katia Brentani, classificatosi 1° nella sezione narrativa breve e nella Menzione Speciale, Nonno di Roberto Carboni, classificatosi 3° nella sezione narrativa breve, e Una giornata come tante di Fabrizio Carollo classificatosi 3° nella Menzione speciale . E che dire poi della splendida interpretazione di Delia Sebelin,che assieme all’autrice Marzia Dasara ha interpretato il racconto Le allegre comari di Pieve del Pino, classificatasi 2° nella sezione Menzione Speciale. Per l’intrattenimento musicale gli autori del Concorso DUERRRE 2009 si sono affidati al ‘”ERREDUO” (formatosi per l’occasione), alle mani di Stefano Passeri, tastiera, che assieme a Michael Brusha, sax, hanno reso ancora più piacevole l’atmosfera della sala.

Come in ogni premiazione che si rispetti, non poteva mancare la valletta, nel nostro caso “interpretata” dal Consigliere Comunale Elisabetta Sandri. La qualità delle opere ha convinto gli organizzatori a realizzare, per la prima volta, una raccolta antologica delle poesie e dei racconti finalisti che è andata letteralmente a ruba edita Dalila Sottani Editrice, in vendita al costo di 16,50 €. Tutti i presenti hanno espresso apprezzamenti per la perfetta organizzazione della serata e del concorso nel suo complesso.

Come ormai da tradizione, il Concorso letterario il prossimo anno, si svolgerà a Ravanusa, piccolo paesino siciliano in provincia di Agrigento e vedrà la partecipazione solo di scritti inediti. Novità per l’anno prossimo saranno i corti (filmati brevi max 10 minuti), chiaramente incentrati sugli aspetti peculiari delle regioni partecipanti, con un vincitore per ogni regione; il Concorso difatti vedrà aprire le sue porte anche ai registi.

Non ci resta che augurarvi un Arrivederci all’anno prossimo in Sicilia.